Statuto

Art. 1 – L’Associazione culturale “AMICI IN CORO” di Campalto si è costituita il 26 Dicembre 1998, in forma di associazione non riconosciuta. L’atto costitutivo Ufficiale è stato redatto il 3 Settembre 2001.

Art. 2 – Il Gruppo si propone fini ricreativi e formativi per gli aderenti, amanti del buon canto, curando un repertorio di brani operistici polifonici e popolari.

Art. 3 – La corale è composta di voci miste maschili e femminili.

Art. 4 – La partecipazione è libera, chiunque voglia partecipare deve accettare gli scopi e l’organizzazione e vi deve partecipare attivamente.

Art. 5 – La corale è autonoma nella sua amministrazione, è apolitica e non si propone scopi di lucro. Provvede al proprio finanziamento con:

a. contributi volontari dei coristi, stabiliti a seconda delle esigenze dal Direttivo;

b. offerte e sovvenzioni di Enti, Associazioni e/o privati non implicanti condizionamenti all’attività del gruppo;

Art. 6 – Organi del gruppo sono:

a. l’assemblea dei coristi;

b. il consiglio direttivo;

c. due revisori dei conti.

Art. 7 – L’assemblea è ordinaria e straordinaria. E valida con almeno la presenza della metà + 1 dei coristi e delibera con la maggioranza assoluta (metà + 1) dei presenti. L’assemblea ordinaria si riunisce almeno una volta all’anno ed è convocata dal consiglio direttivo con congruo anticipo, il quale relaziona sull’attività svolta e sui programmi futuri. Ogni due anni provvede al rinnovo del consiglio direttivo mediante votazione segreta. L’assemblea straordinaria è convocata dal consiglio direttivo ogni volta che lo ritenga necessario o su proposta, esaurientemente motivata di almeno un terzo dei coristi.

Art. 8 – L’organizzazione e l’amministrazione del coro spettano al consiglio direttivo composto da cinque consiglieri eletti dall’assemblea dei coristi più il Direttore ed il Vicedirettore membri di diritto. **

Art. 9 – In seno al consiglio direttivo vengono eletti il presidente, il vice presidente, il segretario e il tesoriere, i quali hanno i seguenti compiti:*

a. Il Presidente rappresenta la corale, cura i rapporti con l’esterno e fra i vari organi interni, presiede il Consiglio direttivo, sostituendolo nei casi urgenti, e l’assemblea;

b. Il Vice presidente coadiuva il Presidente e ne assume le funzioni in sua assenza con gli stessi diritti e doveri.

c. Il segretario cura l’aspetto organizzativo del gruppo, organizza le convocazioni, provvede alla regolare frequenza dei componenti coadiuvato dai capigruppo, tiene in ordine l’archivio, provvede alla corrispondenza e alla tenuta dei registri (verbali delle assemblee, riunioni del Direttivo, giornale delle esecuzioni, ecc.);

d. Il tesoriere, o cassiere, cura l’aspetto finanziario del coro, tiene il registro delle entrate e delle uscite e provvede alle relative operazioni (acquisti, pagamenti, ecc.), è responsabile della giacenza di cassa;

e. Il Direttore o Maestro, cura l’aspetto tecnico/musicale del coro in assoluta autonomia, valuta la qualità delle voci, presiede le esecuzioni, provvede alla preparazione delle partiture, predispone i programmi per le esecuzioni.

f. Il Vicedirettore, se nominato, coadiuva il Direttore nei compiti previsti a tale funzione e sostituisce lo stesso in sua mancanza.

g. Gli altri consiglieri coadiuvano i suddetti su richiesta degli stessi.

Art. 10 – Il consiglio direttivo rimane in carica due anni e i consiglieri sono rieleggibili. Si riunisce almeno una volta ogni due mesi e/o ogni qualvolta il Presidente o il Direttore lo ritengano necessario. E’ valido con la presenza di almeno quattro consiglieri e delibera a maggioranza dei presenti. In caso di parità prevale il voto del presidente.

Art. 11 – Il coro nelle sue funzioni deve dare saggio di un sano comportamento sotto ogni aspetto morale e civico, in sede e fuori sede; pertanto i coristi devono:

a. avere rispetto reciproco, evitando inutili e dannose discussioni e osservazioni; eventuali rimostranze vanno fatte al Direttivo;

b. attenersi alle decisioni del Direttivo;

c. frequentare regolarmente le prove settimanali nei giorni e negli orari stabiliti; per quanto riguarda le assenze, si fa appello al buon senso e alla coscienza di ciascuno circa il proprio dovere di coristi;

d. devono informarsi sugli orari e sui giorni delle prove ordinarie e straordinarie programmate, attraverso i Capi Sezione, il Direttore o il Segretario;

e. avere sempre durante le prove, la massima attenzione e concentrazione su ciò che viene affrontato, nonché il massimo rispetto per il lavoro altrui: per il raggiungimento di risultati lusinghieri; questo aspetto è fondamentale;

f. collaborare attivamente al miglioramento, quantitativo e qualitativo del gruppo con suggerimenti sia di carattere musicale che pratico/organizzativo, nei momenti che il Direttore riterrà più opportuni.

Art. 12 - L’organizzazione di, e/o la partecipazione a rassegne, concerti o concorsi deve essere decisa dal Consiglio Direttivo previo parere inappellabile del Maestro.

Art. 13 - Ciascuna sezione vocale su proposta del direttore sceglie il proprio rappresentante di settore, denominato caposettore, il quale ha funzioni di collegamento con il Direttivo e può essere convocato nelle riunioni del Direttivo stesso, senza però diritto di voto.

Art. 14 - In caso di scioglimento della corale l’Assemblea delibera sull’assegnazione degli eventuali residui attivi e proprietà patrimoniali, destinandoli in beneficenza o in dono a gruppi affini.

Art. 15 - Modifiche al presente regolamento possono essere apportate in assemblea ordinaria e straordinaria con la maggioranza dei due terzi dei presenti.

Art. 16 - Per quanto non espressamente previsto nel presente statuto valgono le norme del Codice Civile.

*    Articoli modificati con Delibera del Direttivo del 08/11/2011 e approvati dall’Assemblea dei Coristi in data 30/01/2012.

**  Articolo modificato con Delibera del Direttivo del 04/06/2014 e approvato dall’Assemblea dei Coristi in data 05/06/2014.

Last modified 18/06/2014 09:16:18 / Visited 1034 Times